Notizie
 

carattere piccolo carattere normale carattere grande

Notizie riguardanti: Sociale

01/03/2022 (aggiorn. 26/05/2022)
Emergenza Ucraina: come aiutare

La Caritas diocesana si è attivata per prestare aiuto alla popolazione Ucraina, colpita dalla guerra.

Nei file che seguono, in periodico aggiornamento, le informazioni per offrire alloggio, raccogliere beni di prima necessità e fare delle donazioni, con i contatti della Caritas diocesana e dei Centri di Ascolto foraniali.

 

Aggiornamenti di aprile e maggio

In seguito agli ultimi sviluppi normativi sull'emergenza Ucraina, la Caritas diocesana ha predisposto delle indicazioni aggiornate sia per la procedura di accoglienza dei rifugiati ucraini, sia per le modalità di aiuto previste.

Tra le procedure di accoglienza sono indicati anche i criteri per il sostegno economico ai profughi e a chi li ospita tramite il supporto di Caritas, nonché i criteri di distribuzione delle offerte raccolte da Caritas per l'emergenza Ucraina.

 

Comunicazione precedenti


(Categorie: Caritas, Sociale, Migrantes, Salute)segnalato da Segreteria Pastorale
10/05/2022
Giovani invitati al LAB.ora: "Geopolitica e politica energetica"

La Pastorale Sociale propone ai giovani dai 19 ai 35 anni un’esperienza laboratoriale su temi di sensibilità sociale. Dopo l’edizione del 2021, a maggio 2022 il tema sarà “Geopolitica e politica energetica. Una riflessione per il futuro”.

La due giorni si terrà a Vittorio Veneto, presso la Casa di Spiritualità e Cultura "San Martino di Tours", sabato 28 e domenica 29 maggio. È necessario dare la propria adesione entro domenica 22.

Si può scaricare la locandina del laboratorio, e per maggiori informazioni ed iscrizioni visitare la pagina www.diocesivittorioveneto.it/labora


(Categorie: Sociale, Giovani)segnalato da Pastorale Sociale
17/02/2022
Il "Tavolo di Dialogo" coinvolge i Sindaci

Il “Tavolo di Dialogo”, coordinato dall’ufficio pastorale sociale della Diocesi di Vittorio Veneto, continua il suo percorso di confronto sulla questione posta dalla coltivazione della vite e coinvolge anche i sindaci del territorio UNESCO in un costruttivo dialogo sul regolamento intercomunale di polizia rurale. “Saremo costruttori di futuro – afferma don Forest, coordinatore del tavolo – se sapremo dar valore al nostro territorio aiutandolo a crescere non solo economicamente, ma anche culturalmente ed eticamente. È un compito che ci riguarda, a vario titolo, e che non possiamo ignorare: ne andrebbe della qualità dell’azione politica, nel senso etimologico e più nobile di ciò che è ‘politica’, e della responsabilità derivante da una cittadinanza consapevole”.

 

Continua il percorso del “Tavolo di Dialogo”, coordinato dall’Ufficio di pastorale sociale della diocesi di Vittorio Veneto e composto dalle associazioni di area ambientalista “Fare Rete” e “Salute e Ambiente”, e dai rappresentanti dei tre consorzi di tutela (Conegliano-Valdobbiadene Docg, Prosecco Doc e Colli di Conegliano Docg). Il “Tavolo di Dialogo” è nato con l’obiettivo di mettere a confronto, in modo schietto e pacato, i diversi soggetti coinvolti nella questione posta dalla coltivazione della vite. Dopo un cammino di circa due anni, i membri del Tavolo sono giunti alla comune determinazione della necessità di un più diretto coinvolgimento dei Sindaci del territorio, soprattutto per quanto riguarda la formazione e il controllo del rispetto del Regolamento intercomunale di Polizia Rurale.

 

Nel luglio scorso, pertanto, il “Tavolo” ha convocato per la prima volta i sindaci dei Comuni del Conegliano-Valdobbiadene, patrimonio Unesco, per un confronto attorno al tema della salvaguardia del proprio territorio. In quell’occasione, le differenti prospettive si sono ritrovate nel desiderio di dare valore al territorio ed ai principi di solidarietà che da sempre lo contraddistinguono. «Le buone relazioni di chi riconosce l’importanza di ogni persona e le buone pratiche di chi non si accontenta delle parole – scriveva don Andrea Forest, a nome di tutti i membri del Tavolo di dialogo, nella lettera inviata successivamente ai Sindaci – restano anche per noi un riferimento imprescindibile sul quale stiamo tentando di camminare: sia come produttori vitivinicoli che vogliono valorizzare forme di agricoltura sempre più all’avanguardia e orientate alla sostenibilità ambientale sia come movimenti di cittadini che hanno a cuore la salute e la cura dell’ambiente. Il nostro territorio sta andando progressivamente verso una piena realizzazione di questi obiettivi, grazie agli sforzi compiuti, pur rilevando che alcune criticità ancora permangono».

Consapevoli del ruolo indispensabile delle amministrazioni comunali, il “Tavolo” – sottoscrivendo per la prima volta un documento a firma condivisa tra Consorzi, Fare Rete con Salute e Ambiente, e Coordinamento del Tavolo – ha così chiesto ai sindaci un ulteriore incontro «per poter discutere ed insieme individuare le possibili linee di azione per un’applicazione efficace del Regolamento di Polizia Rurale del nostro territorio, ritenendolo uno strumento strategico per il futuro delle nostre colline». Continuare dentro ad una logica di “dialogo costruttivo” – si legge ancora nella lettera – si presenta come un guadagno per tutti i membri del “Tavolo”: «Per noi Consorzi di tutela e Associazioni di categoria e per i nostri produttori: perché ci aiuterebbe a onorare i nostri impegni di sostenibilità delle produzioni; per noi cittadini e per noi ambientalisti: perché ci permetterebbe maggiore tranquillità nell’abitare la terra che amiamo; per noi Chiesa locale e per le nostre comunità cristiane: perché si sentirebbero ulteriormente stimolate alla responsabilità di una testimonianza; per i sindaci e le rispettive Amministrazioni: perché sareste riconosciuti come ancora più capaci di avere a cuore la bellezza di un territorio che risulterebbe ancor più apprezzabile e qualificato, a dei numerosi visitatori e turisti che frequentano le nostre terre».

 

L’incontro, auspicato dal coordinamento del Tavolo, si è così tenuto lo scorso 9 febbraio. Ne è risultato un confronto partecipato e vivace, che ha visto la presenza dei membri del Tavolo e di un numero qualificato di sindaci del Conegliano-Valdobbiadene. Alla luce di questo incontro ed a nome del “Tavolo”, don Forest ha inviato una seconda lettera ai sindaci, soffermandosi su tre parole chiave. Innanzi tutto, grazie: «È un vivo sentimento di gratitudine quello che vorrei esprimere. Per aver accolto la nostra proposta di ritrovarci insieme e aver arricchito con i vostri apporti il dibattito. Per lo stile con cui è avvenuto il confronto, qualificato da cordialità e schiettezza, condividendo quanto ciascuno aveva a cuore, con rispetto ma senza troppe reticenze. Per l’impegno che avete messo nel lavoro di questi anni, anche in riferimento al Regolamento di Polizia Rurale, che ci ha portato ad apprezzare i risultati ottenuti e ci offre la prospettiva carica di ottimismo per quanto possiamo ancora fare».

La seconda parola è fiducia: «Mi ha molto colpito l’intervento del dottor Luciano Fregonese, di Valdobbiadene, che interpretando il sentire di diversi tra voi ci ha chiesto “fiducia”. Fiducia nell’operato di voi sindaci che (…) si è sempre ispirato all’imparzialità nell’interesse di tutti i cittadini (...) Una fiducia che, allo stesso tempo, ci auguriamo possiate porre in noi e nella imparzialità e onestà intellettuale a cui in questi due anni e mezzo di cammino abbiamo sempre cercato di ispirarci. Solo così, in una fiducia reciproca che diventa collaborazione leale e virtuosa perché orientata al bene comune, potranno essere fruttuosi i passi che compiremo insieme, ciascuno per il ruolo che gli compete».

Infine, futuro: «Resto ancor più convinto che non possiamo limitarci ai pur lodevoli risultati già ottenuti. Non possiamo agire accontentandoci della “sufficienza”, di non avere (o avere poche) lamentele da parte dei cittadini, di avere raggiunto una ridotta conflittualità sociale. Saremo costruttori di futuro se sapremo dar valore al nostro territorio aiutandolo a crescere non solo economicamente, ma anche culturalmente ed eticamente. È un compito che ci riguarda, a vario titolo, e che non possiamo ignorare: ne andrebbe della qualità dell’azione politica – nel senso etimologico e più nobile di ciò che è “politica” – e della responsabilità derivante da una cittadinanza consapevole».

 

Proprio guardando al futuro, la lettera si conclude con la proposta ai Sindaci di «restare in contatto per prolungare la ricchezza del confronto, in una relazione d’interfaccia che prosegua anche oltre quanto già avvenuto», perseguendo fondamentalmente un duplice obiettivo: mettere a disposizione le acquisizioni maturate nel “Tavolo di Dialogo”, suggerendo anche alcune proposte; chiedere che una delegazione dei Sindaci, rappresentativa dell’estensione geografica del territorio, in alcuni momenti ad hoc possa partecipare agli incontri del “Tavolo di Dialogo”.




 
 
Diocesi di Vittorio Veneto © 2006-2022 - revisione: 29/10/2020info sui cookie  -  contattateci